Campanile

Santo Domingo de la Calzada

Il modello

Questa modello rappresenta una delle torri campanarie più belle della Spagna realmente esistente nella cittadina omonima; Questo modello è fatto in compensato di betulla di vari spessori (1.5 / 3 / 6 mm e suoi multipli) ed è tagliato interamente a mano, così come a mano sono stati colorati, lucidati e incastrati gli oltre mille pezzi che lo compongono per un’altezza di 135 cm per 22 di spessore! Questo lavoro lo considero il più elaborato fatto fin’ora, ma anche quello che mi ha dato più soddisfazioni e grattacapi allo stesso tempo! Un ringraziamento speciale va a Pedro che con grande maestria produce dei progetti elaborati al computer che sono di una precisione assoluta e che consentono poi di godere di tali soddisfazioni!

campanile2
campanile1
La Storia

Santo Domingo de la Calzada è un piccolo paese di circa sette mila abitanti e si trova nella regione della Rioja (Spagna). La storia di questa storico paese è molto interessante, la sua nascita è datata XI secolo quando Santo Domingo (San Domenico) de la Calzada (cammino) si ritirò in questa zona in meditazione.

Santo-Domingo-de-la-Calzada

Per assistere i migliaia di pellegrini che passavano per di la lungo il cammino per Santiago di Campostela, fondò dei rifugi, una cappella, dei ponti e un ospedale; questa città cominciò quindi con un piccolo gruppo di case fino a diventare un piccolo feudo grazie ad Alfonso VI di Castiglia, Santo Domingo morì nel 1109. Nel 1558 la chiesa fu elevata a Cattedrale e il campanile costruito tra il 1762 e il 1769 dall’architetto Martin de la Beratua dopo che il primo in stile gotico crollò. Questa torre è ornata in stile barocco influenzata dallo stile neoclassico; il campanile è alto 69 metri e largo 9. Nel corso dei secoli sono stati documentati diverse guarigioni miracolose ai pellegrini durante le loro visite sulla tomba del Santo.
Fonte delle notizie e delle foto:
www.finescrollsaw.com
www.wikipedia.org

“L’arte non consiste nel rappresentare cose nuove,
bensì nel rappresentare con novità.”
Ugo Foscolo
campanile_long