Il Traforo

L’arte del traforo consiste, essenzialmente, nel ritagliare nel compensato un disegno oppure un progetto formato da più disegni, che consentono la creazione di tanti pezzi, i quali una volta assemblati creano modelli dai più semplici ai più elaborati. Il legno utilizzato è solitamente compensato di betulla multistrato, con spessori che variano dai 0.4 a 8 mm.

Dopo aver scelto con quale spessore di legno operare, i pezzi vengono levigati e trattati per essere poi colorati con smalti all’acqua o acrilici, oppure lucidandoli, ad esempio, con gommalacca e lasciando inalterato il colore naturale del legno.

traforo_attrezzi

L’attrezzo principale utilizzato per praticare questa meravigliosa arte è l’archetto da traforo; è disponibile in diverse dimensioni ( fino a 50 cm di lunghezza) e viene utilizzato da chi, come me, ama praticare il taglio a mano.

Sono inoltre necessari alcune lame di diverse dimensioni e dentatura, uno strettoio per i galletti dell’ archetto, un trapanino per praticare fori nei punti da ritagliare, una tavoletta a coda di rondine da supporto, da utilizzare durante le fasi di taglio, lime, colla, carta vetra e soprattutto tanta pazienza e passione!

Può essere anche utilizzato il traforo elettrico, in commercio ce ne sono per tutti i gusti e per tutte le tasche!

La Storia

L'arte del traforo nelle epoche passate

Storicamente, è difficile dire con precisione in quali anni sia nata questa arte. I primi attrezzi di natura meccanica furono ritrovati in Inghilterra e si presume appartengono al XV-XVI secolo, ma non si sa con esattezza se servisse per lavorare il legno, il metallo o la pelle. Le prime testimonianze di lavori fatti al traforo come hobby risalgono al XIX secolo in Germania e successivamente in Francia e Stati Uniti, con lavori tecnicamente poveri e privi di incastri, con poca cura dello stile.

In Italia veniva praticato da studenti che lo avevano appreso nelle scuole all’estero, ma con la difficoltà di reperire materiali ed attrezzi adatti. Grande impulso e diffusione la diede Pietro Barelli di Milano, il quale fondò la sua attività nel 1852 e negli anni divenne molto famosa per l’intaglio, la scultura, la pirografia e altri vari hobby, fino alla pubblicazione il 1° gennaio 1878 di una raccolta di disegni per il traforo intitolata “Il traforatore italiano” disegnati da Arturo Fumel.

traforo_storia1
traforo_storia2

Questo Hobby diventò popolare a tal punto che poi ne seguirono diverse pubblicazioni di disegni; furono esportati in tutta Europa e ne furono venduti, negli anni a seguire, milioni di copie, oltre agli attrezzi dedicati. Tutti i disegni furono disegnati da Arturo Fumel, un artista che, grazie ai suoi fantasiosi disegni, portò l’arte del traforo alla sua massima espressione e che purtroppo non ha goduto della notorietà che avrebbe meritato.
Ringrazio Pedro per il suo impegno alla divulgazione di documenti storici e la sua disponibilità.
Per consultare il catalogo originale datato 1906 ed aiutare Pedro alla ricerca di nuovi documenti clicca qui.